Air Liquide: da biogas a biometano

25/09/2018

Lo sviluppo delle energie sostenibili è un driver strategico per Air Liquide, che individua nel Biometano un asse di crescita chiave del Gruppo e ha creato team dedicati specificatamente allo sviluppo del biometano e della mobilità sostenibile.
Le conoscenze maturate in oltre 10 anni di esperienza nella purificazione del biogas e 30 nella produzione di membrane, unite all’esperienza ultracentenaria nella criogenia, permettono ad Air Liquide di proporre soluzioni integrate lungo tutta la filiera: dall’upgrading del biogas alla liquefazione del biometano, alla sua distribuzione, alle stazioni di rifornimento (bio NGV - Natural Gas for Vehicles). Ciò consentirà di proporre un’alternativa pulita al mercato dei combustibili fossili e, insieme allo sviluppo di tecnologie quali il recupero della CO2 o la metanazione della stessa, di puntare all’obiettivo “emissioni zero” in un’ottica di Economia Circolare.
Con una capacità installata di 60 MW all'anno, Air Liquide gestisce ed esercisce in tutto il mondo 10 unità produttive di biogas, per trasformare questa risorsa in biometano e renderlo disponibile come carburante attraverso le 60 stazioni di rifornimento Bio-NGV del Gruppo.
Il cardine del modello di sviluppo di Air Liquide è quello di approcciare i singoli progetti con la visione del produttore, fornendo supporto tecnico-finanziario su tutta la filiera e valutando le diverse opzioni in funzione della natura delle biomasse, della capacità produttiva, della geografia, della logistica, con la possibilità per il cliente di usufruire di un’opzione ‘Full Service’ o di arrivare alla stipula di vere e proprie partnership.
In Italia, Air Liquide è socio del CIB - Consorzio Italiano Biogas - di cui ha condiviso le linee guida definite e promosse sia a livello istituzionale che presso i soggetti interessati lungo tutta la filiera, dalla produzione alla distribuzione. Il Consorzio riassume l’impegno da parte di tutti gli attori della filiera di sviluppare al massimo le potenzialità del biometano in Italia, mantenendo come cardine principale il concetto di sostenibilità. Ad esempio, per l’alimentazione dei biodigestori, l’applicazione di questi principi si traduce nell’utilizzo di componenti ‘sostenibili’ come sottoprodotti, colture marginali, secondi raccolti, scarti dell’industria alimentare e frazioni organiche dei rifiuti urbani.
I vantaggi finali del biometano sono tangibili, per l’ambiente ma anche per il singolo utente: niente più fermi nelle aree urbane a traffico limitato, risparmio dei costi del carburante e, non da ultimo, l’importante aspetto di un settore in crescita estremamente legato al territorio, che favorirà la creazione di nuova occupazione lungo tutta la filiera.

Air Liquide è leader mondiale dei gas, delle tecnologie e dei servizi per l’Industria e la Sanità. Il Gruppo è presente in 80 paesi con circa 65.000 collaboratori e serve oltre 3,5 milioni di clienti e pazienti nel mondo.

 

Aziende in Evidenza