Strumenti di laboratorio per bio-combustibili

31/03/2017

La sfida della società moderna e del sistema economico e produttivo globale è quello di trovare e sfruttare fonti energetiche pulite, con basso impatto ambientale ma che siano anche facilmente reperibili ed economicamente convenienti per le produzioni in larga scala.
L’attività di ricerca e sviluppo assume quindi fondamentale importanza: lo studio di nuovi processi di lavorazione e trasformazione di materie prime e di prodotti di riciclo (per esempio i rifiuti solidi urbani) per la produzione energetica consente di affinare processi che siano quanto più ecosostenibili e integrabili nei sistemi produttivi.
Carbolite Gero, azienda del gruppo Verder Scientific, presenta strumentazioni per il trattamento termico dei materiali specifici per tali finalità.
AAF 11/3 e AAF 11/7 sono fornaci ad incenerimento specificatamente progettate per conoscere la composizione delle ceneri del carbone, alimenti e plastiche, analisi essenziale per poterne prevedere il comportamento nelle camere di combustione e soddisfare i requisiti delle normative in questo settore.
CAF (forni per la fusibilità delle ceneri) sono fornaci che rispettano le vigenti normative applicabili ai combustibili secondari e bio-combustibili. Infatti, esse consentono l’applicazione di metodi per la determinazione della tendenza di una biomassa a formare depositi attraverso la determinazione diretta della temperatura di fusione delle ceneri.
MTT sono forni deputati alla determinazione della presenza e della quantità di Trizio e Carbonio 14, sostanze che possono contaminare un materiale sia per l‘attivazione diretta nel materiale stesso che per la contaminazione dovuta al processo di fissione o contaminazione per associazione con materiale contenete trizio.

 

Aziende in Evidenza